Ultravioletti: UV-c

 

La  degerminazione, ovvero la disinfezione attraverso la distruzione  di determinati agenti patogeni senza per altro uccidere ogni vita microbica, attraverso  dei raggi ultravioletti è nota da oltre 100 anni. La porzione di spettro elettromagnetico con una lunghezza  d'onda che va dai 100 nanometri (10-9 millimetri) e i 400 nm è chiamata radiazione ultravioletta; gli UV-c fanno parte di un sottointervallo caratterizzato da lunghezze  d'onda comprese  tra 100 e 280 nm. In particolare la lunghezza  d'onda di 256 nm   è caratterizzata da un alto potere germicida. I raggi UV-c, commercialmente indicati come debatterizzatori, vengono prodotti  con speciali lampade fluorescenti ai vapori di mercurio; inserite all’interno di speciali tubi, detti camicie, di quarzo purissimo,  Essi proteggono le lampade non facendole venire a contatto con l’acqua permettendo comunque  una perfetta irradiazione. I raggi UV danneggiano le strutture degli acidi nucleici  impedendo uno sviluppo cellulare dei microbi.

Il  dosaggio esatto per sterilizzare un microrganismo dipende: dalla grandezza  dello stesso   dalla velocità di flusso (un passaggio lento è preferibile)  e dalla trasmittanza del liquido.  Senza addentrarci in aspetti tecnici che chi vuole può approfondire con la lettura di questo articolo; possiamo affermare che  prove di laboratorio hanno dimostrato che il corretto utilizzo degli Uv porta ad un abbattimento del 99% delle più comuni specie batteriche. L’utilizzo degli UV permette quindi di ridurre notevolmente la carica batterica in acquario, senza dover aggiungere ulteriori trattamenti chimici all’acqua, ma soltanto con un trattamento fisico, con una scarsa manutenzione e basso consumo. Per contro bisogna sottoporre l’acqua a un ottima filtrazione meccanica prima del trattamento, in modo da avere una buona trasmittanza, e si dovrà provvedere alla periodica  sostituzione delle lampade nei tempi indicati dal costruttore.

Gli UV sono sicuramente indispensabili nei sistemi di stabulazione a schiera con filtro centralizzato, in quanto evitano eventuali contagi di patologie tra vasche diverse oltra a proteggere le colonie denitrificanti del filtro biologico. In questo modo si riesce a sfruttare il grosso volano d’acqua offerto dalla schiera centralizzata scongiurando ogni forma di contagio. E’ chiaro che l’UV andrà inserito in cascata a valle del sistema di filtrazione meccanica (microfiltrato) e a monte del biologico. All’interno dell’acquario domestico l’uso dell’UV riduce drasticamente la necessità di ricorrere a l’utilizzo di farmaci, aiuta a mantenere i valori di carica batterica allineati con quelli dei biotopi di provenienza.

Bibliografia: hydra 5, settembre 2001

L’utilizzo dell’UV sulle nostre strutture ci ha portato dei notevoli vantaggi, soprattutto nella gestione degli arrivi in negozio, e quindi la nostra esperienza, che chiaramente non ha nessuna valenza scientifica, è del tutto positiva. E tu ?  Qual è la tua esperienza con l’utilizzo degli UV ?

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Banner

Banner

Usiamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito web si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti. Informativa sulla privacy

 Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


 

Acquista una acquario con capacità maggiore di 100 lt entro il 20 febbraio 2017 riceverai in regalo un test TDS elettronico e un test Ph elettronico