Cryptocoryne hudoroi

 

Bogner & Jacobsen (1985)

 

 

 

 

Famiglia: Araceae

 

 

 

Diffusione: Borneo (Kalimantan).


 

C. hudoroi è una  pianta acquatica, alta 20-50 cm. Foglie con picciolo lungo 4-26 cm; lamina molto stretto-ellittica, a volte stretto-oblanceolata, lunga 7-30 cm, larga 2-5 cm, molto bollosa. Apice a punta; base arrotondata; margine leggermente ondulato. Colorazione verde medio, spesso con bordo marroncino; pagina inferiore a volte un po” più chiara oppure marroncina. Si tratta di una delle specie più belle e più consigliabili di Cryptocoryne importate negli ultimi anni.



 


OFFERTA

 


 


 


 

 

algarlic marina 10 gr
algarlic marina 10 gr
€8.25
salinity
salinity
€0.00
aktivedrops
aktivedrops
€7.52
foglie di catappa
foglie di catappa
€5.08
pond filter
pond filter
€170.80
filpo
filpo
€20.13
pinza dritta 27 cm
pinza dritta 27 cm
€5.00
alkaline buffer
alkaline buffer
€10.00
plafoniera mini sun
plafoniera mini sun
€29.28
basic advance grade 58 55gr
basic advance grade 58 55gr
€7.50
Subscribe Here
Joomla :


Tutti i prodotti


Ricerca Avanzata
Ricerca Avanzata (utilizza parametri preimpostati)
Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.

Molto appariscenti le foglie fortemente bollose che ricordano Cryptocoryne aponogetifolia.  Al contrario di questa specie, C. hudoroi,  grazie alla sua minore altezza,  è molto più adatta per la maggioranza degli acquari. In acqua tenera o di media durezza non

 

 

 

esistono problemi di coltivazione. Come materiale di fondo si consiglia sabbia o ghiaia con l'aggiunta di terriccio fertilizzante che stimola la crescita. La temperatura dell'acqua può oscillare tra 18 e 30 °C, ma 24-26 °C risultano ideali.

 

  

 

Banner
nido parto galleggiante
nido parto galleggiante
pinza dritta 38 cm
pinza dritta 38 cm
forbici dritte nere
forbici dritte nere
blue actinic
blue actinic
reattore di calcio CR70
reattore di calcio CR70

Marcescenza delle Cryptocoryne


Le Cryptocoryne sono piante delicate e in linea di principio vanno trapiantate il meno possibile. Spesso in coltura sommersa reagiscono a interventi di questo tipo con la cosiddetta marcescenza delle Cryptocoryne, che si manifesta con l'improvvisa e rapida decomposizione del fogliame. Questa marcescenza può anche verificarsi con piante che crescono bene. Non si tratta di una malattia, come a lungo supposto, ma di una reazione a modifiche nelle condizioni ambientali che provoca disturbi fisiologici nelle piante.

Fattori scatenanti possono essere un leggero cambiamento dei valori dell'acqua, dovuto per esempio a un cambio parziale, oppure la sostituzione di una lampada fluorescente bruciata. Entro pochi giorni la marcescenza può così distruggere completamente un rigoglioso gruppo di Cryptocoryne. Dopo un simile evento ci vuole molta pazienza prima che i rizomi nel materiale di fondo si riprendano e producano nuovi getti. Non tutte le specie reagiscono con la stessa sensibilità estrema a cambiamenti delle condizioni ambientali. Così si può per esempio osservare come C. undulata si disgrega improwisamente mentre nella stessa vasca C. wendtii continua a crescere perfettamente. Il modo migliore per prevenire questo fenomeno consiste nell'offrire condizioni ambientali stabili, per esempio effettuando regolarmente solo piccoli cambi parziali dell'acqua e somministrando il fertilizzante solo in piccole dosi a intervalli prolungati.

 

Bibliografia C. Kasselmann

 

 

   

 

 

Home Home
schede pesci schede pesci
schede piante schede piante
guida allestimento guida allestimento
tecnica tecnica
disponibilità disponibilità
offerte mensili offerte mensili
area shopping area shopping


 

contatti: staff@pianetacquario.com   Tel  0862  316095

 


 

 

 

Banner

Banner
Advertisement

Usiamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito web si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti. Informativa sulla privacy

 Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.